La storia dei Gunpla

Siete curiosi di conoscere la storia dei model kit di Gundam? In queste pagine vi guideremo alla scoperta delle Origini dei Gunpla, di come si sono evoluti nel corso di oltre trent’anni di produzioni trasformandosi da mercato di nicchia a vero e proprio fenomeno di massa.

Gunpla: le Origini (parte 1 di 2)Gunpla: le Origini (parte 1 di 2)

È fra il 1980 e il 1981 che si colloca l’apparizione dei primi Gunpla, già nelle familiari scale 1/1441/100 ma privi della classificazione di grado. Con l’arrivo di Z Gundam e delle produzioni animate successive anche i model kit si evolveranno di conseguenza, introducendo incastri snap-in e polycaps.


Gunpla: le Origini (parte 2 di 2)Gunpla: le Origini (parte 2 di 2)

Dopo una serie di miglioramenti apportati col passare degli anni viene inaugurata la linea High Grade (1990), che segna un nuovo standard. A questa segue nel 1995 la tanto amata classificazione Master Grade, che dopo più di quindici anni risulta essere ancora la più apprezzata dai fan.


Gunpla: l'evoluzione negli anniCronologia evolutiva dei Gunpla

Dai primissimi kit vintage ai più moderni Real Grade, passando per High, Master e Perfect Grade: l’evoluzione dei Gunpla con il passare degli anni in relazione alle produzioni animate.


3 risposte a La storia dei Gunpla

  1. PIZZACALLA ALESSANDRO scrive:

    sono rimasto molto impressionato dalla storia dei gunpla. seguo in modo molto maniacale l’evoluzione di queste meraviglie dall’uscita dei perfect grade ma mi piacerebbe sapere qualcosa di più sui gunpla in scala 1/60 o le edizioni particolari (come la glorius series) di cui ignoro il significato di fabbricazione. Ringraziandovi dell’ottimo lavoro aspetto con ansia nuovi aggiornamenti. Un grosso saluto a tutti i gundamiti!

  2. Carlo Brozzi scrive:

    Sapete se esistono dei Gunpla anche in scala 1/72 ed 1/87?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>