Mobile Suit Gundam SEED

Cosmic Era 71. La guerra tra i Coordinator – esseri umani modificati geneticamente – e i Natural – senza alcun intervento genetico – è in corso da ben undici mesi.
Kira Yamato, giovane Coordinator e studente particolarmente brillante, vive sulla colonia neutrale di Heliopolis. La sua vita cambierà radicalmente quando un gruppo di soldati di ZAFT, l’esercito dei Coordinator,  si infiltrerà nell’insediamento per rubare cinque prototipi di Mobile Suit prodotti in segreto dall’Alleanza Terrestre.

Inaspettatamente, Kira scoprirà che il suo amico d’infanzia Athrun Zala appartiene alle forze armate di ZAFT e si trova a capo del gruppo di commando. Non riesce tuttavia a chiedergli il motivo di tale scelta perché finirà col pilotare proprio una delle unità segrete, il GAT-X105 Strike.
Fuggita dalla condannata Heliopolis, la nave dell’Alleanza Archangel, con a bordo rifugiati della colonia, inizierà un difficile viaggio per tornare al quartier generale sulla Terra, inseguita dalle forze armate di ZAFT. A Kira spetterà difendere gli amici sulla nave proprio dal suo vecchio compagno Athrun e dalla sua squadra, decisi a distruggere l’Archangel e il Mobile Suit che la difende.

“In cosa credi, e per cosa stai lottando adesso?

Mobile Suit Gundam SEED, diretto da Mitsuo Fukuda, è una delle produzioni più moderne degli universi di Gundam. Iniziata nell’ottobre del 2002, ha subito conseguito un notevole riscontro nel pubblico in Giappone, soprattutto nella fascia adolescenziale. Il successo è dovuto a una molteplicità di fattori, tra cui i numerosi omaggi alla prima serie Mobile Suit Gundam (di cui si può definire idealmente un remake/aggiornamento per almeno metà serie), il character design del noto Hisashi Hirai, e la colonna sonora d’impatto di Toshihiko Seki, arricchita da pezzi eseguiti da famosi artisti del calibro di T.M.Revolution.
Il design accattivante e l’attenzione rivolta alle interazioni tra i personaggi e agli intermezzi sentimentali, hanno reso SEED la prima serie di Gundam il cui successo si è esteso a un pubblico composto non solo da sostenitori di anime robotici, ma anche di ragazze.
Al tempo, la serie ha coinvolto così tanto i fan che a seguito dello sconvolgente finale ne hanno richiesto a gran voce un seguito.


Come seguire Mobile Suit Gundam SEED in Italia?

Serie televisiva: nessuna edizione italiana ufficiale è disponibile al momento. Per seguire la serie è tuttavia reperibile il fansub italiano a opera del gruppo StarSubber.

OVA riassuntivi: la serie televisiva è stata riassunta in tre film, trasmessi in televisione in due parti ciascuno e venduti contemporaneamente in formato DVD. Gli Special Edition riassumono le vicende della C.E. 71 con qualche scena inedita e qualche modifica – anche significativa – nella trama.

Manga: esistono diversi manga basati sulla serie TV di SEED, tutti inediti in Italia.  Tra i tanti, l’adattamento televisivo ad opera di Masatsugu Iwase, che segue in maniera più o meno fedele le vicende della serie, ma con un character design completamente diverso, mentre più famosa è invece la lunga saga di Gundam SEED ASTRAY, side-story ufficiali della Cosmic Era realizzate da Tomohiro Chiba e Koichi Tokita.

Cosa rende unico Gundam SEED?

Il design accattivante di mecha e personaggi, e le attenzioni rivolte alle interazioni tra i comprimari più che alle strategie belliche in sé, hanno reso SEED la prima serie di Gundam il cui successo si è esteso a un pubblico composto non solo da sostenitori di anime robotici.
Al tempo, la serie ha coinvolto così tanto i fan che a seguito dello sconvolgente finale ne hanno richiesto a gran voce un seguito. I protagonisti di questa saga sono tutt’ora tra i personaggi più apprezzati dai fai di anime in Giappone.

Per comprendere al meglio Mobile Suit Gundam SEED non è indispensabile aver visto nessun’altra serie.

Tipologia: Serie TV in 50 episodi + After Phase, trilogia di OVA riassuntivi
Edizioni (serie TV):
Giapponese (2002), Americana (2004), Giapponese (2011 – HD Remaster)
Edizioni (OVA): Giapponese (2004), Americana (2006)
Sito Ufficiale: http://www.gundam-seed.net


Le sezioni di Mobile Suit Gundam SEED

GAT-X105+AQM/E-X01 Aile Strike Gundam  - Mobile Suit Gundam SEED

  • Personaggi
  • Mecha
  • Fazioni
  • Riassunti degli episodi
  • Informazioni sull’Anime
  • Informazioni sul Manga
  • Doppiatori
  • Curiosità
  • Lyrics
  • Glossario di Gundam SEED
  • Immagini

Una risposta a Mobile Suit Gundam SEED

  1. Althea73 scrive:

    Faccio mia la domanda “Cosa rende unico Gundam SEED?”…
    Con SEED, Fukuda e la moglie Morosawa (sceneggiatrice) hanno sì omaggiato la prima serie, MSG, ma hanno anche unito tre fattori:

    il concetto della guerra: la guerra tra Natural,esseri umani nati secondo natura, e i Coordinator, umani modificati geneticamente;la guerra vista però da un punto di vista razziale, antisemita..
    il concetto dell’amicizia e dell’emotività dei personaggi principali e secondari:questo forse è quello che differenzia maggiormente MSG da SEED.
    L’emotività, il coraggio, la rabbia e anche la paura sono posti in primissimo piano rispetto allo scontro bellico. In alcune puntate non vi sono scontri tra mobile suit proprio per dar spazio alle vicende di amicizia e anche d’amore… di Kira e Lacus, Athrun e Cagalli, il capitano Murrue e Mwu, l’uomo che “rende possibile l’impossibile”.
    Non solo, ma vediamo queste cose anche nella parte avversa all’Alleanza terrestre, ovvero ZAFT:la squadra Zala (Athrun, Yzak, Dearka e Nicol) mi fanno vedere la vita militare e umana dei coordinator che non sono “mostri”, così come vengono chiamati dai Natural.
    Il terzo concetto,non meno importante dei primi due è la base musicale: le canzoni iniali e finali, stupende, quali INVOKE, Moment, Believe, River,Find in the Way, Anna ni Issho datta no ni, sono parte integrante della serie stessa di SEED così come le original soundtrack e altre due canzoni come “Meteor” e “Akatsuki no Kuruma”..
    Fukuda e sua moglie Morosawa hanno concetrato questi tre fattori ed hanno creato SEED, un capolavoro.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>