Mobile Suit Gundam SEED C.E. 73 STARGAZER

Cosmic Era 73, operazione Break The World. I detriti di Junius Seven precipitano sulla Terra causando immani devastazioni, e fanatici terroristi Coordinator spargono ulteriore caos compiendo attacchi indiscriminati contro la popolazione civile. Un gruppo di scienziati riesce ad abbandonare il pianeta e a raggiungere la stazione spaziale della DSSD —Deep Space Survey & Development Organization— costruita dopo la guerra del San Valentino di Sangue come simbolo della riconciliazione tra Natural e Coordinator.
Lì gli studiosi di entrambi gli schieramenti hanno sviluppato un avveniristico progetto di esplorazione spaziale costruendo un Mobile Suit controllato da un’intelligenza artificiale e spinto da propulsori Voiture Lumiere, il GSX-401FW “Stargazer”, che non tarda a far gola alla Federazione Atlantica nuovamente coinvolta in una guerra contro PLANT.

Espugnare la stazione spaziale è il compito affidato all’unità Phantom Pain guidata da Sven Cal Bayang, un Natural condizionato mentalmente alla guida del GAT-X105E Strike Noir.
Indifesi, ma determinati a non far cadere i risultati del loro lavoro nelle mani dei militari della Federazione, i membri della DSSD e il capo progetto Selene McGriff decidono di impiegare proprio lo Stargazer contro le unità nemiche.

“Se guarderai in alto, quel che vedrai saranno solo le stelle al di là del cielo.”

Gundam SEED C.E. 73 STARGAZER nasce come serie ONA (Original Net Animation) di 3 episodi, ambientata nelle fasi iniziali del conflitto raccontato in Gundam SEED DESTINY. La serie alterna il punto di vista sulla guerra da parte della scienziata Coordinator Selene McGriff e quello di Sven Cal Bayang, pilota Natural di Phantom Pain sottoposto a pesanti condizionamenti mentali che l’hanno trasformato in una fredda macchina per uccidere. STARGAZER è stato accolto positivamente sia dal pubblico che dalla critica, ed è visto un po’ come l’equivalente per la Cosmic Era di quello che è stato The 08th MS Team per la timeline Universal Century.


Come seguire Mobile Suit Gundam SEED C.E. 73 STARGAZER in Italia?

Serie ONA: nessuna edizione italiana ufficiale è disponibile al momento. Per seguire la serie è tuttavia reperibile il fansub italiano a opera del gruppo StarSubber.

OVA: nessuna edizione italiana ufficiale è disponibile al momento.

Manga: il manga di STARGAZER a opera di Naoki Moriya racconta le vicende dell’intera serie ONA, aggiugendo un epilogo del tutto inedito che da solo vale l’acquisto del volume. Pubblicato su Gundam Ace contemporaneamente al rilascio online della miniserie, è tutt’ora inedito in Italia.
La side-story di STARGAZER di Koichi Tokita è Mobile Suit Gundam SEED C.E. 73 Δ Astray, che narra le vicende dal punto di vista di un gruppo di abitanti del pianeta colonizzato Marte.

Cosa rende unico STARGAZER?

A differenza delle due serie principali, in STARGAZER sono evidenziati gli effetti della guerra sulla popolazione civile, e per la prima volta uno dei protagonisti è un soldato al soldo dei Blue Cosmos, nemici per eccellenza dell’universo della Cosmic Era. Rispetto alle due serie TV l’atmosfera di STARGAZER è piuttosto cupa, sottolineando maggiormente l’aspetto drammatico degli eventi. È la prima e fin’ora unica serie pensata per lo streaming sul web.

Per comprendere al meglio Mobile Suit Gundam SEED C.E. 73 STARGAZER è necessario aver visto Gundam SEED e Gundam SEED DESTINY.

Tipologia: Serie ONA in 3 episodi, OVA unico
Edizioni (ONA):
Giapponese (2006)
Edizioni (OVA): Giapponese (2006)
Sito Ufficiale: http://www.seed-stargazer.net/


Le sezioni di Mobile Suit Gundam SEED C.E. 73 STARGAZER

GAT-X105E Strike Noir Gundam - Gundam SEED C.E. 73 STARGAZER

  • Personaggi
  • Mecha
  • Fazioni
  • Riassunti degli episodi
  • Informazioni sull’Anime
  • Informazioni sul Manga
  • Doppiatori
  • Curiosità
  • Lyrics
  • Glossario di Gundam SEED C.E. 73 STARGAZER
  • Immagini

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>