Mobile Suit Gundam AGE

Advanced Generation 101. Delle misteriose entità note in seguito col nome di “UE” (Unknown Enemy) attaccano e distruggono la colonia spaziale Angel. Tale tragedia, ricordata negli annali come Il Tramonto degli Angeli, segna l’inizio della guerra per la sopravvivenza della razza umana.

A.G. 108. Gli UE attaccano la colonia Orvan, residenza del casato Asuno. Proprio qui il giovane Flit Asuno, ultimo erede della famiglia, vede morire davanti ai propri occhi sua madre, che gli affida l’AGE Device, una memory unit contenente i progetti per la costruzione del leggendario messia in grado di salvare l’umanità: Gundam.

Sono passati sette anni. Nell’anno A.G. 115 Flit vive su Nora, dove studia e collabora con l’esercito della Federazione Terrestre come ingegnere per la progettazione di Mobile Suit, seguendo le ultime volontà della madre nel rendere reali i progetti del Gundam. Il destino vorrà che gli UE attaccheranno la colonia nell’immediato futuro, e Flit avrà occasione di scendere sul campo di battaglia a bordo del Gundam AGE-1 da lui stesso creato per difendere i propri compagni e salvare quanta più gente possibile dall’ormai prossima distruzione della colonia.

“Flit… affido il tuo destino… al Gundam.”

Serie televisiva della stagione 2011/2012, Gundam AGE è un vero e proprio esperimento rischioso per Sunrise e Bandai, che per la prima volta collaborano con LEVEL-5 (Inazuma Eleven, Professor Layton) e si affidano a esso per storia, character design e progetti collaterali. Sotto la supervisione del CEO Asuhiro Hino, e con la regia di Susumu Yamaguchi (regista dei film di Keroro Gunso), Gundam AGE narra per la prima volta la storia dal punto di vista di tre diversi protagonisti di tre diverse generazioni: all’eroe Flit succederà il figlio Asemu, e ad esso Kio, nipote del primo.
Scopo della produzione è quello di allargare il target coinvolgendo anche i più giovani mediante l’utilizzo di un character design fresco e innovativo, cosa che però ha fatto storcere il naso ai fan di vecchia data, dato che il tratto scelto fa apparire personaggi dell’età di Amuro Ray come bambini con la metà degli anni.
A differenza delle ultime produzioni come SEED e 00 le sigle di AGE hanno meno mordente e risultano piuttosto pacate. Autori delle prima accoppiata di canzoni sono i Galileo Galilei per l’opening e Minami Kuribayashi per l’ending theme.

Come seguire Mobile Suit Gundam AGE in Italia?

Serie televisiva: nessuna edizione italiana ufficiale è disponibile al momento. Per seguire la serie è tuttavia reperibile il fansub italiano dei SubZero.

Manga: la trasposizione delle vicende della serie televisiva è affidata a due autori differenti, ognuno con una propria visione della storia. Hiroshi Nakanishi si occupa del manga di due soli capitoli Gundam AGE Hajimari no Monogatari pubblicato su Weekly Shonen Sunday, mentre a Hiyon Katsuragi è stato affidato “Gundam AGE -FIRST EVOLUTION-” pubblicato su Gundam ACE. La side-story “Gundam AGE Treasure Star” di Masanori Yoshida, rivolta invece a un target di giovanissimi, viene pubblicata sulla rivista CoroCoro Comics.

Cosa rende unico Gundam AGE?

Creare una nuova timeline dopo il finale di 00 sembrava obbligatorio, e Sunrise decide per la prima volta di affidarsi a uno studio fin’ora estraneo a Gundam, LEVEL-5. Il risultato è una serie un po’ particolare, sempre ancorata ai classici schemi gundamici, ma con sostanziali cambiamenti. Primo fra tutti, l’assenza di un punto di vista da parte della fazione nemica, almeno nelle prime battute della serie. Il resto sembra improntato molto poco sul realismo bellico, sfavorito soprattutto dal design giocattoloso di personaggi e mecha.

Per comprendere al meglio Mobile Suit Gundam AGE non è necessario aver visto nessun’altra serie.

Tipologia: Serie TV in 49 episodi
Edizioni (serie TV): Giapponese (2011)
Sito Ufficiale: http://www.gundam-age.net


Le sezioni di Mobile Suit Gundam AGE

AGE-1 Gundam AGE-1 Normal - Mobile Suit Gundam AGE

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>