Sunrise e Bandai interrompono nuovamente i rapporti con l’Italia

robot-powerNel lontano 1980 Gundam arrivò in Italia su quelle che all’epoca erano reti locali, creando quello che poi nel nostro paese è divenuto un mito. Tuttavia, all’epoca nessuno poteva immaginare che una serie animata giapponese importata in maniera illegale potesse generare tanti problemi con Sunrise, che decise di interrompere i rapporti con l’Italia fino a quasi vent’anni dopo, con l’arrivo di Gundam Wing su Italia 1.

Ci troviamo nel 2014. Un comportamento simile, forse addirittura peggiore, è stato condotto ancora una volta ai danni del franchise di Gundam.

Tramite un comunicato stampa ufficiale apparso sul sito aziendale di Sunrise apprendiamo che un’altra rete televisiva italiana avrebbe trasmesso senza permesso una delle serie TV di Gundam, nello specifico la recentissima Gundam Build Fighters. La prima metà degli episodi è stata doppiata e adattata in maniera che il nome Gundam non comparisse in alcun modo, ma la violazione era più palese che mai. Robot Power, è questo il nome scelto dalla rete per il cartone animato, è stato anche supportato da una linea di giocattoli fasulli, molto simili a quelli che spesso ci è capitato vedere sulle bancarelle dei mercati rionali o in numerosi negozi di giocattoli, che miscelavano i più disparati Mobile Suit per creare mix che paiono usciti da una sessione di Gundam Breaker giocata sotto l’effetto di ingenti quantità di alcool.

Il risultato di questa infida operazione commerciale perpetrata in Italia, assieme al malcontento generato nella corporation nipponica dall’italica perseveranza nel continuare ad adattare le serie animate di Gundam con un’errata pronuncia del nome (gUndam anziché gAndamu), hanno spinto Sunrise e Bandai a prendere la drastica decisione: dal 15 aprile Gundam.info verrà nuovamente oscurato agli IP italiani, e il materiale audiovisivo presente sul mercato verrà ritirato dal commercio.

 « Mai più Gundam per gli italiani »  ha sbottato un infuriato Kazunori Ueno durante una conferenza stampa tenutasi a porte chiuse per i giornalisti nipponici, che promette misure preventive anche per il commercio dei GUNPLA.

Yoshiyuki Tomino, tuttavia, è sembrato più affranto del presidente Bandai, ma le sue dichiarazioni hanno un qualcosa di sconvolgente.

« Ho fatto finta di divertirmi assieme ai fan italiani per anni, ma sotto sotto me lo aspettavo. Mi mancheranno piade e vinello. »

Il futuro di Gundam per noi italiani appare più che mai negativo.

AGGIORNAMENTO: ovviamente si tratta di un pesce d’aprile! Tomino adora l’Italia e i rapporti fra Bandai e il nostro paese sono più rosei che mai!

Questa voce è stata pubblicata in Blog. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Sunrise e Bandai interrompono nuovamente i rapporti con l’Italia

  1. Mister Rubin scrive:

    Pesce d’Aprile????

  2. NatakuZ scrive:

    Mai giorno fu piu adatto per notizia triste come questa.

  3. raffaele scrive:

    ma è vero, o si tratta di un pesce d’aprile ?
    e poi, chi sarebbe questa rete televisiva italiana ad aver fatto questo ?
    un canale regionale ?

  4. Unicorn95 scrive:

    hmmm è un pesce d’aprile vero? ^^”

    e se fosse vero l’episodio 7 di gundam unicorn non arriverebbe da noi immagino,comunque non è giusto che per colpa di qualche stupido ci debbano rimettere tutti gli italiani sto provando un immensa rabbia verso quegli stupidi

    cmq solo io non riesco a trovare informazioni su Robot Power?mi sembra strano che non si trovi nessuna notizia al riguardo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>